Cross-border transport of waste: compliance with the italian law

Natura Giuridica is a company that provides environmentally services to foreign companies that do import and export of waste into/from Italy. Full support for the subription at the ANGA's register, the domiciliation and the legal, administrative and technical consulting.

Il moderno management ambientale: una consulenza smart fatta su misura

Compilate il questo modulo, specificando quali sono le criticità ambientali della vostra azienda, e inviatelo a andrea.quaranta@naturagiuridica.com Otterrete un preventivo gratuito e personalizzato per una consulenza ambientale in convenzione.

Natura Giuridica - Consulenze ambientali

Natura Giuridica è un'impresa di servizi specializzata in diritto dell'ambiente e dell'energia. Ricerche, pareri, assistenza amministrativa e multiprofessionale per consulenze integrate

Natura Giuridica - Consulenze ambientali

Natura Giuridica è un'impresa di servizi specializzata in diritto dell'ambiente e dell'energia. Ricerche, pareri, assistenza amministrativa e multiprofessionale per consulenze integrate

I vantaggi di un adeguato Environmental risk management

Esperto in consulenze strategiche aziendali nel settore dell'ambiente e dell'energia Scarica la brochure di Natura Giuridica

Contatta Natura Giuridica

Chiedi un preventivo gratuito per una parere o una convenzione personalizzata. Natura Giuridica è a tua completa disposizione

Natura Giuridica su "Il mondo in primo piano"

Dicono di noi

Seguimi su Twitter

I tweet sull'environmental risk management, sulla sostenibilità ambientale, sul diritto dell'ambiente e dell'energia

lunedì, gennaio 09, 2017

TTIP: molte domande e poche risposte. Parliamone.... L'azzardo morale

L’azzardo morale


“Lo scopo di internet e delle tecnologie connesse
era «liberare» l'umanità dai compiti
– fabbricare cose, imparare cose, ricordare cose –
che prima davano significato alla vita
 e perciò ne costituivano l'essenza.
Ora sembrava che l'unico compito significativo fosse
l'ottimizzazione per i motori di ricerca[17]”.

Alla luce di quanto, sia pur sia pur sinteticamente, si è visto in queste pagine, si può comprendere il significato delle parole con cui si chiudeva l’introduzione.
Ovvero che la sensazione è che quella relativa al TTIP sia più simile ad una telenovela di provincia, che ad una vera e propria spy story (anche se forse è così che ci piace immaginarla, per sopperire – almeno idealmente – alla pochezza della scena politica di oggi), e che quanto si trova su internet, frutto di analisi partigiane e di testi seo oriented, non è che una parte della pura verità, finora celatasi dietro semplici punti di vista.
Per accorgersene basta rileggere le categoriche prese di posizione sul tema, che si trovano nella rete, e il testi segreti relativi all’agricoltura e allo sviluppo sostenibile, intrisi:
·         di premesse;
·         di rispetto delle reciproche differenze (che in teoria si dovrebbero in qualche modo, ed invece, livellare, uniformare);
·         di reminder;
·         di propositi di cooperare per instaurare dialoghi fruttuosi o per agevolare la conclusione positiva di ulteriori negoziati;
·         di tentativi di “garantire che l'effetto di tali provvedimenti non crei inutili ostacoli agli scambi di prodotti agricoli tra di loro e che i provvedimenti non siano più restrittivi per gli scambi di quanto necessario per conseguire il loro obiettivo legittimo”;
·         di riaffermazioni di principî;
·         di sforzi;
·         di promozioni;
·         di rinvii a future proposte;
·         di stucchevoli rassicurazioni (promesse?) a latere (L’“affermazione” conseguente alla preoccupazione relativa al fatto che il TTIP potrebbe ridurre i diritti dei lavoratori e pregiudicare il ruolo dell’OIL (“Desideriamo che il TTIP preveda livelli di tutela elevati per i lavoratori, basati sugli strumenti dell’OIL”) non sembra, infatti, una risposta, quanto una promessa da marinaio…).
Il tutto, naturalmente, quasi esclusivamente attorno agli scambi (agli aspetti commerciali, insomma), con buona pace della sostenibilità, che fa capolino nel momento in cui si fa cenno alla necessità di adoperarsi per promuovere:
·         ulteriori negoziati, in relazione ai quali, tuttavia, non si fa riferimento a qualità ambientali ma solo ad una più generica (e commerciale) efficienza nella produzione alimentare (Il riferimento al fatto che, nello stesso tempo, tale efficienza deve garantire “la gestione sostenibile delle risorse naturali” sembra più che altro una forma di stile che un proposito, più che un’obbligazione di risultato);
·         lo sviluppo agricolo internazionale e una maggiore sicurezza alimentare globale, anche se non si riesce a comprendere a fondo rispetto a che cosa, soprattutto se si considerano le azioni che le parti intendono mettere in campo per il raggiungimento di tale obiettivo” (La promozione di solidi mercati globali per i prodotti alimentari e per i fattori di produzione agricoli; la “restrizione” delle misure commerciali ingiustificate che aumentano i prezzi alimentari a livello mondiale o acuiscono la volatilità dei prezzi, in particolare evitando l'impiego di tasse sulle esportazioni, divieti di esportazione o restrizioni alle esportazioni dei prodotti agricoli; la promozione e il sostegno alla ricerca e all'istruzione, allo scopo di sviluppare nuovi prodotti agricoli innovativi e strategie che facciano fronte alle sfide globali legate alla produzione abbondante, sicura e accessibile di alimenti, mangimi, fibre ed energia).
Ecco, di fronte a questo panorama ci si domanda come mai enunciazioni tanto eteree debbano essere tenute nascoste e/o spacciate per chissà quale scoop (para)giornalistico e/o oggetto di così sclerotiche prese di posizione.
Beninteso, non si vogliono minimizzare i potenziali pericoli che si possono celare anche dietro a testi tanto condivisibili quanto poco coercitivi (ed essere classificati come pro TTIP), né gridare al complotto ad ogni piè sospinto (ed essere, al contrario, additabile alle stregua di un NO-TTIP).
Semplicemente, ci si vuole porre delle domande, ben sapendo che esistono tensioni positive nell’una come nell’altra campana.
Basti pensare, a mero titolo di esempio:
-          (pro fautori del TTIP), alla necessità e all’urgenza di cercare di uniformare la normativa (naturalmente in senso migliorativo) di creare nuovi sbocchi per il mercato, di alleggerire, più in generale, un sistema per certi versi anchilosato e connotato da protezionismi a corrente alternata;
-          (pro detrattori del trattato), alle questioni relative ai timori paventati sulla qualità del cibo e alla tutela dell’ambiente.
Nonostante il testo sia etereo, può preoccupare, preoccupa il fatto che le questioni sulle sostenibilità siano tratteggiate, quando lo sono, e non invece trattate con più forza, senza sottointesi.
A proposito di sottointesi, cosa dire del “nodo” relativo alle controversie?
Nel testo si legge che “le parti s’impegnano ad istituire un meccanismo efficace ed efficiente per risolvere le controversie che possono insorgere tra le Parti stesse in merito all'interpretazione e all'applicazione del presente accordo con l'obiettivo di pervenire, laddove possibile, a soluzioni concordate”.
A rigor di logica si parla di controversie relative alle “parti” che dovrebbero sottoscrivere il trattato (id est, in mancanza di una definizione di parti, gli Stati), e quindi si fa fatica, almeno di primo acchito, a comprendere la polemica relativa alla possibilità per le corporation di intentare causa ai singoli Stati, con l’effetto paradosso cui si è fatto cenno. Ma se così fosse (se davvero le controversie oggetto del paragrafo dovessero riguardare anche le corporation), c’è da domandarsi perché prevedere uno strumento “altro” rispetto all’ordinaria giustizia, per il semplice fatto che si garantirebbero tempistiche più consone: il problema dell’eterna lentezza della giustizia non si risolve accorciando i tempi di prescrizione, o devolvendo le controversie a giudici sulla cui terzietà si potrebbero scrivere interi pamphlet
A proposito, invece, di argomenti che rischiano di passare in secondo piano, in questa diatriba settoriale (e, quindi, destrutturata e deconstestualizzata), siamo sicuri che già oggi – mentre l’Europa è in “crisi esistenziale” (J.P. Junker) – non si importino, ad esempio, prodotti contraffatti e/o sofisticati da altri paesi (asiatici), in un silenzio reso ancora più totale dall’accanimento contro uno strumento necessario, anche se necessariamente perfettibile?

Chi scrive non condivide il “gioco delle parti” in voga in modo generalizzato in questo periodo che prevede solo due opzioni (a favore o contro il TTIP, secondo una logica dell’“azzardo morale”): chi scrive non è contrario al TTIP, ma a questo TTIP, perché frutto di una politica infantile (che insegue – ognuno per la propria strada, secondo le proprie “idee” – una purezza irraggiungibile, che ha qualcosa di nauseante, oltre che ottuso[18]), cui fanno da cassa di risonanza sia una parte del web (rectius: chi utilizza il web in modo non corretto), sia un certo “neo-giornalismo d’assalto”, autoreferenziale e destinato alla marginalità culturale.
Prescindere dagli opposti punti di vista, spacciati per verità, significa cercare "La" verità – che poi dovrebbe essere niente di più, niente di meno che il Bene Comune – che “si trova da qualche parte nella tensione fra i due estremi[19]”.
È la Politica che dovrebbe trovare questa via di mezzo, senza cedere agli azzardi morali delle opposte fazioni.
Discutendo, anche in modo animato, ma con una prospettiva diversa rispetto al passato.
Capendo che si discute (si dovrebbe discutere) per capire.
Non per avere ragione.

<< TTIP: molte domande e poche risposte. Parliamone.... Focus sul capitolo sullo sviluppo sostenibile





[17] J. Franzen, Purity, cit.
[18] “La stupidità scambiava se stessa per intelligenza, mentre l’intelligenza riconosceva la propria stupidità”. J. Franzen, Purity, cit.. Come a dire, occorrerebbe essere consapevoli dei limiti intellettuali ed estetici dell’approccio militante.
[19] “Ed è lì che dovrebbe vivere il giornalismo, in quella tensione”. J. Franzen, Purity, cit.

TTIP: molte domande e poche risposte. Parliamone.... Focus sul capitolo sullo sviluppo sostenibile

Focus sul capitolo sullo sviluppo sostenibile
La proposta UE intende salvaguardare le norme di base che tutelano i diritti dei cittadini sul lavoro e l’ambiente; coinvolgere la società civile in modo da poter mettere in pratica il TTIP; incoraggiare le imprese ad avere un senso spiccato della responsabilità sociale.

Alla parte sfuggita agli hackers di TTIP-leaks – quella relativa allo sviluppo sostenibile – la Commissione dedica ben quattro capitoli:
1)    il primo (“Lo sviluppo sostenibile nel TTIP – problemi, disposizioni”), lungo 14 pagine, contiene il “position paper” della UE sul commercio e sullo sviluppo sostenibile, con riferimento sia ai diritti dei lavoratori che alle problematiche ambientali;
2)    il secondo (“Lo sviluppo sostenibile nel TTIP”)
3)    il terzo (“Proposta dell’UE sulle disposizioni in materia di clima nel capitolo «Commercio e sviluppo sostenibile» del TTIP”) costituisce una proposta per un commercio che favorisca basse emissioni e uno sviluppo resiliente ai cambiamenti climatici;
4)    l’ultimo (“Lo sviluppo sostenibile nel TTIP”), infine, costituisce una rielaborazione in “forma legislativa” del primo.

Caratteristica comune: in tutti e quattro i documenti viene utilizzato un linguaggio non dissimile da quello descritto nel paragrafo precedente, sia nei modi che nel contenuto: un linguaggio infarcito di termini vaghi, di auspici e di belle parole.

TTIP: molte domande e poche risposte. Parliamone.... Focus sul capitolo relativo all'agricoltura

Focus sul capitolo relativo all’agricoltura

Infatti, e volendo limitare in questa sede l’approfondimento al capitolo “agricoltura”, l’attuale testo vincolante del TTIP, dopo un incipit sufficientemente retorico, riprende ad ogni piè sospinto quei termini vaghi, mesi in corsivo nell’appena citato incipit, e più in generale sembra denso di auspici e belle parole, e poco di più.
Infatti, nel testo si legge che le parti:
·         riconoscono le differenze nei loro rispettivi modelli agricoli e la necessità di garantire che il presente accordo non influisca negativamente sulla diversità agricola delle parti”;
·         riconoscono che le loro rispettive scelte sociali possono differire rispetto alle decisioni di politica pubblica aventi un impatto sull'agricoltura. A tale proposito, nessuna disposizione del presente accordo impedirà alle parti di adottare i provvedimenti necessari per conseguire obiettivi politici legittimi quali la tutela della salute pubblica, della sicurezza, dell'ambiente o della morale pubblica, la protezione sociale o dei consumatori o la promozione e la protezione della diversità culturale che entrambe le parti ritengono appropriate.
Entrambe le parti cercheranno di garantire che l'effetto di tali provvedimenti non crei inutili ostacoli agli scambi di prodotti agricoli tra di loro e che i provvedimenti non siano più restrittivi per gli scambi di quanto necessario per conseguire il loro obiettivo legittimo”;
·         “ricordano il ruolo di primo piano della sostenibilità nella sua dimensione economica, sociale e ambientale in agricoltura e mirano a sviluppare una cooperazione e un dialogo fruttuosi su tematiche concernenti la sostenibilità agricola”;
·         “cooperano sulle questioni concernenti le indicazioni geografiche”, e “ribadiscono l'importanza delle denominazioni di origine dei prodotti e delle indicazioni geografiche per l'agricoltura sostenibile e per lo sviluppo rurale e, in particolare, per le piccole e medie imprese”;
·         “cooperano per agevolare la conclusione positiva di negoziati agricoli in seno all'OMC”, al fine di:
o   consentire il miglioramento sostanziale dell’“accesso ai mercati per i prodotti agricoli”
o   ridurre “le sovvenzioni alle esportazioni agricole, al fine di eliminarle gradualmente”;
o   sviluppare “regole che eliminino le restrizioni al diritto di un individuo di esportare prodotti agricoli; nonché
o   ridurre “in modo significativo il sostegno interno distorsivo degli scambi”;
·         “riconoscono gli sforzi intrapresi nelle sedi internazionali per promuovere la sicurezza alimentare e la nutrizione a livello globale, nonché l'agricoltura sostenibile, e si impegnano a cooperare attivamente in tali sedi”;
·         “si adoperano per promuovere lo sviluppo agricolo internazionale e una maggiore sicurezza alimentare globale”;
·         “collaborano per promuovere l'esportazione di prodotti agricoli provenienti dai paesi meno sviluppati e per favorire l'integrazione regionale degli scambi di prodotti agricoli”;
·         precisano che “all'entrata in vigore del presente accordo, nessuna delle parti mantiene, introduce o reintroduce sovvenzioni alle esportazioni o altre misure di effetto equivalente su un prodotto agricolo esportato o incorporato in un prodotto esportato nel territorio dell'altra parte o nel territorio di una non-parte con cui entrambe le parti hanno concluso un accordo di libero scambio che prevede la completa abolizione, da parte della non-parte, dei dazi su quel prodotto agricolo a vantaggio di entrambe le parti”;
·         regolamentano nel dettaglio il “sostegno finanziario” alle esportazioni, elencando una serie di condizioni alle quali sarà possibile fornirlo;
·         disciplinano gli “aiuti alimentari internazionali” destinati al territorio delle parti o al territorio di una non-parte con la quale entrambe le parti hanno concluso un accordo di libero scambio, “che sono erogati in forma completamente slegata, in contanti e interamente a titolo di sovvenzione ad eccezione di situazioni di emergenza ben definite”;
·         fanno un rinvio ad una futuribile proposta sul “sostegno interno”;
·         elencano i compiti del nuovo “Comitato per l’agricoltura”;
·         dettano, in un allegato, le disposizioni finalizzate ad agevolare il commercio del vino e delle bevande alcoliche, migliorare la cooperazione per lo sviluppo di tale commercio e accrescere la trasparenza delle norme che lo disciplinano. 


TTIP: molte domande e poche risposte. Parliamone.... Il testo segreto del TTIP

Il testo segreto del TTIP 

Sul sito della Commissione europea[8] il TTIP – sul quale “la Commissione europea sta negoziando nel modo più trasparente possibile” – viene presentato come un accordo che comprenderà 24 capitoli, raggruppati in 4 parti, sintetizzate nella tabella n. 1.


Il TTIP presentato dalla Commissione europea
Parte prima: “[un migliore] accesso al mercato [USA])”
Scambi di merci e ai dazi doganali, che rendono più onerosi gli scambi di merci, e per questo motivo devono essere aboliti per stimolare l’economia, creare posti di lavoro e aiutare le imprese a crescere e a competere in tutto il mondo. Oltre alla proposta testuale dell’UE[9], nel sito viene pubblicata anche un a nota esplicativa.
In relazione all’agricoltura, sono presenti sia il testo della proposta UE[10], sia due guide sulle indicazioni geografiche e sulle questioni non tariffarie[11] sia, infine, una proposta su vino e bevande spiritose[12].
Servizi […]
Appalti pubblici […]
Norme di origine […]
Parte seconda: cooperazione in campo normativo
Coerenza normativa […]
Ostacoli tecnici agli scambi […]
Sicurezza alimentare e salute degli animali e delle piante.
Nel documento, a proposito dei “livelli di sicurezza delle TIC”, si legge che “il TTIP causerà una riduzione dei livelli di sicurezza delle informazioni commerciali e delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione.
L’UE non accetterà una riduzione dei livelli di sicurezza. L’idea è quella di stabilire principi comuni per valutare la conformità dei prodotti ai regolamenti”.
In questo campo, si sottolinea, “intendiamo ridurre il tempo impiegato dalle autorità degli USA per approvare le importazioni di alimenti dall’UE; aiutare le autorità di regolamentazione dell’UE e degli USA a cooperare più strettamente in futuro su temi come il benessere degli animali; preservare i livelli rigorosi di sicurezza alimentare dell’UE”.
Principali preoccupazioni
Risposta UE
«Il TTIP allenterà le norme dell’UE sulla sicurezza alimentare, che sono più severe rispetto a quelle vigenti negli USA. Il TTIP darà il via a una corsa al ribasso».

Non è vero che le norme dell’UE sono sempre più rigorose di quelle statunitensi. Sia gli USA che l’UE hanno chiaramente affermato che il TTIP non modificherà le norme vigenti sulla sicurezza alimentare. L’UE manterrà le sue restrizioni sugli ormoni o sugli stimolanti di crescita nelle produzioni animali, mentre gli USA conserveranno le proprie norme sui contaminanti microbici.
«Il TTIP obbligherà l’UE a consentire la coltivazione delle piante geneticamente
modificate».

La coltivazione degli OGM è soggetta a una procedura di autorizzazione conforme alla normativa dell’UE. Il TTIP non modificherà tale normativa; per coltivare piante geneticamente modificate occorre anche l’approvazione dei paesi dell’UE, un requisito che il TTIP lascerà inalterato.
«Il TTIP obbligherà l’UE a adottare standard inferiori per il benessere degli animali».

Il TTIP non influirà sulle leggi dell’Unione sul benessere degli animali. L’UE intende instaurare con le autorità governative di regolamentazione statunitensi un dialogo formale sul benessere animale, un obiettivo che vogliamo conseguire in tutti i nostri accordi commerciali bilaterali per promuovere gli standard di benessere degli animali più elevati possibile
Industrie specifiche […]
Sostanze chimiche […]
Sui prodotti cosmetici […]
Ingegneria […]
Dispositivi medici: lo scopo è quello di renderli maggiormente accessibili e tracciabili, mantenendo al contempo i nostri standard di sicurezza elevati[13].
Pesticidi […]
Tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC) […]
Sui prodotti farmaceutici il TTIP si prefigge di unire le forze per garantire che i farmaci siano conformi a standard rigorosi in materia di efficacia, qualità e sicurezza, e di favorire un sostegno reciproco fra le parti per elaborare regolamenti nell’ambito di nuovi settori[14].
Prodotti tessili […]
Veicoli […]
Parte terza: norme

Per lo sviluppo sostenibile (cfr. infra) la proposta UE intende salvaguardare le norme di base che tutelano i diritti dei cittadini sul lavoro e l’ambiente; coinvolgere la società civile in modo da poter mettere in pratica il TTIP; incoraggiare le imprese ad avere un senso spiccato della responsabilità sociale[15].

Principali preoccupazioni

Risposte UE

Norme sul lavoro
«Il TTIP ridurrà i diritti dei
lavoratori e pregiudicherà il ruolo dell’OIL)».
Desideriamo che il TTIP preveda livelli di tutela elevati per i lavoratori, basati sugli strumenti dell’OIL.

 

Cambiamenti climatici
«Il TTIP minerà la politica ambiziosa dell’UE in materia di clima».

 

La legislazione dell’UE in materia di clima non fa parte delle trattative del TTIP. Al contrario, il TTIP sosterrà i nostri obiettivi climatici, per esempio promuovendo il commercio e gli investimenti nei beni e servizi verdi.
Risoluzione dei conflitti
«Il TTIP non prevederà un sistema efficace per risolvere i conflitti».
Intendiamo attuare un meccanismo trasparente e indipendente che risolva i conflitti entro tempi stabiliti e che permetta alle parti interessate della società civile di esporre il loro punto di vista.

In materia di energia e materie prime […]

Dogane e facilitazione degli scambi

Per le Piccole e medie imprese […]

In materia di protezione degli investimenti […]

Per quanto riguarda la concorrenza […]

Proprietà intellettuale (PI) e indicazioni geografiche (IG) […]

Per la composizione delle controversie tra governi […]

Parte quarta: istituzionale

Disposizioni istituzionali, generali e finali […]






Il testo svelato dal sito dei “TTIP leaks”, sia pure per buona parte sovrapponibile con quello ufficiale, è più enigmatico da leggere e da decifrare:
-          non solo perché al suo interno non compaiono aspetti invece considerati nei documenti, cui si è fatto rinvio nella tabella n. 1,
-          ma anche perché contiene anche la differente, sovrapposta, visuale statunitense, in relazione ai singoli punti[16].

<< Un passo indietro: le opposte verità

>> Focus sul capitolo relativo all’agricoltura


[8] UE http://trade.ec.europa.eu/doclib/press/index.cfm?id=1250
[9] http://trade.ec.europa.eu/doclib/docs/2016/march/tradoc_154369.pdf
[10] http://trade.ec.europa.eu/doclib/docs/2016/march/tradoc_154371.pdf
[11] Consultabili, rispettivamente, ai seguenti indirizzi web:
http://trade.ec.europa.eu/doclib/docs/2016/march/tradoc_154372.pdf
http://trade.ec.europa.eu/doclib/docs/2016/march/tradoc_154373.pdf
[12] http://trade.ec.europa.eu/doclib/docs/2016/march/tradoc_154374.pdf
[13] Proposta dell'UE per un allegato sui dispositivi medici nel TTIP:
http://trade.ec.europa.eu/doclib/html/154797.htm
[14] Proposta UE di allegato sui prodotti medicinali: http://trade.ec.europa.eu/doclib/html/154582.htm
[15] Proposta dell'UE sulle disposizioni in materia di clima nel capitolo "Commercio e sviluppo sostenibile" del TTIP (nuovo): http://trade.ec.europa.eu/doclib/html/154800.htm
Lo sviluppo sostenibile nel TTIP: http://trade.ec.europa.eu/doclib/html/153923.htm
[16] Fra le premesse del testo tradotto in italiano, del resto si legge che “la traduzione rispetta le caratteristiche del leak originale in inglese diffuso da Greenpeace, che non ha fornito suggerimenti relativi al significato dei segni grafici. Poiché si tratta di «testi consolidati» al tavolo delle trattative, si può intuire che le parentesi quadre racchiudono le richieste definitive di una delle due delegazioni sulle quali la controparte non concorda.
Fuori dalle parentesi quadre, invece, le parti su cui é stato raggiunto l'accordo.
I corsivi e i neretti sono quelli dell'originale.
Così anche le note, ad eccezione di quelle introdotte da NDC ("Nota del curatore") per segnalare che é stato necessario aggiungerle durante la pubblicazione su Wiki TTIP”.
 http://www.dariotamburrano.it/wikittip/doku.php?id=ttip-leaks:introduzione